Roma, gilet arancioni ed estrema destra in piazza: “Il virus non esiste, governo traditore”

Tensione in centro a Roma per alcune manifestazioni organizzate da diversi gruppi riconducibili all'estrema destra, in particolare 'Marcia su Roma' e Casapound
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Tensione in centro a Roma per alcune manifestazioni organizzate da diversi gruppi riconducibili all’estrema destra, in particolare ‘Marcia su Roma’ e Casapound, in protesta contro il Governo. Tra loro anche qualcuno che indossa i ‘gilet arancioni’.

Piazza Venezia e via del Corso chiuse al traffico per la presenza di alcune centinaia di manifestanti, diversi di loro seduti a terra, cosi’ come sono chiuse le aree nei pressi di piazza Colonna. Ingente la presenza di mezzi blindati della Polizia e dei Carabinieri, con le forze dell’ordine schierate in assetto antisommossa per impedire l’afflusso verso Palazzo Chigi e Montecitorio.

“Non ce lo fanno fare e noi da qui non ce ne andiamo”, gridano i manifestanti con i megafoni, scandendo anche diversi “traditori” e vari insulti verso il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Il coronavirus e’ tutto un disegno politico, economico e sociale perche’ vogliono venderci alla Cina, Di Maio prima di tutti- proseguono- facendoci fare il vaccino e schedandoci. Il virus non esiste, per questo non mettiamo le mascherine, e intanto la gente muore di fame”. I manifestanti inoltre continuano a intonare l’inno italiano e a gridare “Liberta’”.

PROTESTA CONTRO GOVERNO, BLOCCO FORZE ORDINE

I mezzi blindati della Polizia e dei Carabinieri hanno iniziato ad avanzare da via del Corso verso piazza Venezia, costringendo lentamente ad arretrare i manifestanti che da un paio d’ore sono scesi in piazza in protesta contro il Governo. Contemporaneamente sono arrivati altri mezzi dal lato dell’Altare della Patria e da via IV Novembre per delimitare l’area in cui si svolge la protesta.L’obiettivo dei manifestanti e’ raggiungere Palazzo Chigi e Montecitorio “per farci sentire da questo Governo di ladroni”.

All’atto del graduale accerchiamento centinaia di manifestanti sono scattati verso via del Plebiscito, con gli agenti in tenuta antisommossa subito dietro, insieme a mezzi blindati con le sirene spiegate. L’accesso e’ stato quindi chiuso all’inizio di corso Vittorio Emanuele II.

STRADE SBARRATE, PROTESTA DISPERSA IN GRUPPETTI

L’avanzamento delle forze dell’ordine lungo corso Vittorio, provenendo da largo Argentina, sembra aver costretto i manifestanti a disperdersi in gruppetti nei vicoli limitrofi, con il contestuale arrivo di altri mezzi blindati dal lato del lungotevere e di ponte Vittorio Emanuele II, a poche centinaia di metri dal Vaticano. “Il Governo manda i poliziotti a intimidirci, siamo solo cittadini che stanno perdendo tutti i diritti”, gridano ormai da almeno due ore in protesta nelle strade di Roma, mentre ad alcuni di loro le forze dell’ordine stanno chiedendo i documenti. “Stiamo solo camminando per far vedere le nostre ragioni”, aggiungono.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»