Caso Rixi, la solitudine di Toninelli: il suo ministero falcidiato dalle inchieste

Dopo il caso Siri, arriva la condanna per Rixi: via due dei tre sottosegretari del ministero delle Infrastrutture e Trasporti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Grazie a Rixi per il lavoro svolto. Il Contratto di governo, ancora una volta, si dimostra lo strumento migliore per garantire il cambiamento. Malgrado il mio ministero sia stato falcidiato, andiamo avanti a sbloccare opere e procedure per usare al meglio i soldi dei cittadini”. Lo scrive su twitter Danilo Toninelli, ministro delle Infrastrutture e Trasporti.

IL SOTTOSEGRETARIO DELL’ORCO: ORA MINISTERO VUOTO, TOCCA COLMARE BUCHI

Il terzo sottosegretario al Mit Michele Dell’Orco inizia ad avvertire la solitudine nel dicastero di Porta Pia. Lo dice lui stesso con un post su facebook.

“Dopo il caso Siri, arriva la condanna per Rixi. Umanamente – premette Dell’Orco- mi dispiace e spero che risolva positivamente durante il resto del processo. Però il contratto di Governo parla chiaro. Ora si proceda velocemente a sostituire i membri del Governo come previsto da accordi scritti nero su bianco”.

Dell’Orco aggiunge: “Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti deve essere pienamente operativo, inizia a svuotarsi un po’ troppo. Nelle prossime settimane cercherò di colmare, nel limiti delle possibilità, ogni ulteriore buco che inevitabilmente si creerà”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»