Musica, a Roma torna ‘Retape’: il festival degli artisti della Capitale

Saranno 20 gli artisti che si alterneranno sul palco della Cavea nella due giorni incastonata all'interno del Roma Summer Fest.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una Woodstock romana di due giorni all’Auditorium Parco della Musica, con giovani talenti emergenti ma anche affermati artisti della Capitale. Sabato e domenica torna ‘Retape’, la seconda edizione del festival ideato e organizzato dalla Fondazione Musica per Roma dedicato alla scena musicale romana.

Saranno 20 gli artisti che si alterneranno sul palco della Cavea nella due giorni incastonata all’interno del Roma Summer Fest

Sabato suoneranno:

  • Luca D’Aversa, Mirkoeilcane, Leo Pari, Filippo Gatti, Rho, Germanò, Il grido, Amir, Assalti Frontali, Cor Veleno, Bombay e Garconne Fatal.

Domenica saliranno sul palco:

  • Artù, Lillo e I vagabondi, Los3saltos, Ardecore, The Niro, Orchestraccia, Piotta, Bamboo e Mesa.

Originalità, impegno e passione sono le caratteristiche comuni di questa ondata musicale

“Retape è un’occasione unica per fare il punto della scena attuale a Roma che è cresciuta negli ultimi anni in maniera straordinaria sia per quantità delle proposte sia per qualità- ha detto l’ad di Fondazione Musica per Roma, Josè Dosal- Originalità, impegno e passione sono le caratteristiche comuni di questa ondata musicale che ha riportato Roma al centro della scena musicale. Sono felice di poter ospitare questo evento nella Cavea”.

Biglietto unico 8 euro; due concerti a 10 euro.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»