Genova, licenziato un non vedente: i colleghi in sciopero

Giornata di sciopero allo stabilimento Sirti di Genova Struppa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Giornata di sciopero allo stabilimento Sirti di Genova Struppa, realtà metalmeccanica che si occupata di progettazione, realizzazione e manutenzione delle infrastrutture di rete, managed services, progetti speciali di system integration e smart solutions.

I lavoratori incrociano le braccia per manifestare la propria solidarietà a un collega non vedente che ha ricevuto la lettera di licenziamento

“Le motivazioni sono strumentali e costruite artificiosamente- scrive la Fiom Genova in una nota- il lavoratore, a differenza dei suoi colleghi, non ha mai avuto una postazione lavorativa adeguata alle sue necessità e solo quest’anno l’azienda ha iniziato in modo molto approssimativo a predisporre una postazione in una struttura a oltre 30 chilometri dalla sede, in un sito più somigliante a un magazzino che a un posto di lavoro per un non vedente”. 

Secondo il sindacato, invece, la vera motivazione va ricercata nel fatto che “il lavoratore paga le sue posizioni spesso lontane dal coro ma sempre coerenti e condivise con gli altri lavoratori. Il licenziamento è un atto gravissimo: chiediamo alle strutture nazionali di intervenire sull’azienda e chiediamo altresì che venga proclamata un’iniziativa di lotta a livello nazionale contro un’azienda che a nostro parere ha toccato il fondo”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»