Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Omicidio Magliana, Boldrini: “Raccapricciante, le donne devono denunciare”

"La mia vicinanza va alla famiglia, ma faccio anche una esortazione a tutte le ragazze a non accettare alcuna forma di violenza, a non sottovalutare segnali"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

laura_boldriniROMA – “E’ incredibile pensare che l’ex fidanzato” della giovane uccisa a Roma “possa essere uscito con la tanica, perlomeno così si legge dalle prime ricostruzioni degli inquirenti che peraltro dicono che se qualcuno l’avesse aiutata la ragazza sarebbe viva. E’ uno scenario raccapricciante”. Lo dice la presidente della Camera, Laura Boldrini, parlando ai cronisti in Transatlantico, a margine di un incontro con un gruppo di donne del quartiere Zen di Palermo.

“La mia vicinanza va alla famiglia, ma faccio anche una esortazione a tutte le ragazze, a tutte le donne a non accettare alcuna forma di violenza, a non sottovalutare i primi segnali e a denunciare per ottenere protezione“, sottolinea. “Penso che sia necessario fare un lavoro culturale, le donne non devono avere vergogna di denunciare- insiste- non c’è vergogna o stigma nel farlo, chi si deve vergognare sono i violenti non le donne che denunciano la violenza. Spero che nelle scuole si insegni il rispetto di genere fin dai primi anni perché questo anche fa la differenza e noi abbiamo molta strada da fare. Questo fenomeno è inaccettabile”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»