Agus: “Fragili sardi rifiutano il vaccino? Non sono stati nemmeno contattati”

vaccino over 80
Il capogruppo dei Progressisti nel consiglio regionale contesta le dichiarazioni di Solinas, "Il dato comunicato dal presidente era una mistificazione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – “Non è vero che tre pazienti fragili su quattro in Sardegna hanno rifiutato il vaccino. Nessuna fuga, nessun sospetto diffuso come scritto dai giornali che, incolpevoli, hanno riportato per filo e per segno le parole del presidente della Regione. È vero il contrario: la stragrande maggioranza degli aventi diritto non è stata nemmeno contattata, superata da un esercito di furbi”. A dirlo in un comunicato è Francesco Agus, capogruppo dei Progressisti nel consiglio regionale della Sardegna.

Il dato comunicato dal presidente in Consiglio regionale durante Sa Die (‘questa è la regione in cui martedì si è telefonato a 14mila persone considerate fragili o fragilissime per vaccinarle con Pfizer ricevendo una risposta positiva solo da 3.800 di queste’) era una mistificazione– sottolinea Agus-. Oggi parzialmente corretta dall’Ats (a cui abbiamo chiesto formalmente i dati del Cup) che ha spiegato che in realtà nella gran parte dei casi non si è trattato di rifiuti”.

Snocciola i dati il capogruppo dei Progressisti: “Oggi scopriamo che tra gli 11mila che hanno detto ‘no’ alla vaccinazione sono infatti comprese: le persone allettate che necessitano di un intervento a domicilio, per cui la Regione è in gravissimo ritardo; le persone che necessitano di un consulto medico specialistico prima di potersi vaccinare; le persone temporaneamente impossibilitate a essere vaccinate (perché convalescenti o indisposte); le persone che non hanno modo di essere accompagnate all’hub vaccinale con poco preavviso; le persone che non risiedono più nell’isola; le persone contattate ad un numero vecchio, inesistenti o errato a causa di evidenti problemi organizzativi non risolti in quattro mesi di campagna vaccinale”.

Non solo, aggiunge Agus: “Il commissario dell’Ats non cita il caso delle tante famiglie di persone decedute contattate in questi giorni. Spero che almeno in questo caso si sia avuto il buonsenso di non considerare il loro rifiuto postumo come un atto antivaccinista”.

Quindi, argomenta il progressista, “accanto a un numero di persone che rifiutano il vaccino, che immagino fisiologicamente simile a quello di altre regioni, ci sono una marea di casi enormemente maggioritaria di persone che non possono recarsi negli hub vaccinali o che addirittura attendono un primo contatto. Ribadisco quanto detto ieri: far passare le persone che non possono alla stregua di persone che non vogliono è un atto di un cinismo politico disarmante”. Quindi Agus conclude chiedendo: “Che senso ha diffondere dati errati in questo modo? Aiuta a migliorare il rapporto tra cittadino e istituzioni? Favorisce l’andamento della campagna vaccinale?”.

LEGGI ANCHE: Covid, Valle d’Aosta verso la zona rossa. Sardegna e Campania in arancione, Puglia in bilico

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»