L’Unesco celebra il jazz, oggi è la Giornata internazionale

Ecco dove è possibile seguire tutti gli eventi dedicati all'International jazz day 2021
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Louis Armstrong, Duke Ellington, Lester Young, Gerry Mulligan, Charlie Parker, Ella Fitzgerald, Sonny Rollins, Art Tatum. Ma anche Dizzy Gillespie, Charles Mingus, Miles Davis, John Coltrane, Billie Holiday. Senza dimenticare Keith Jarret, Sidney Bechet, Thelonius Monk, Count Basie, Fats Waller, Benny Goodman, Glenn Miller. E poi John Coltrane, Ornette Coleman, Art Blakey, Oscar Peterson, Chet Baker, Nina Simone e Herbie Hancock. Sono solo alcuni degli artisti che hanno reso immortale il jazz, genere musicale nato negli Stati Uniti nei primi del ‘900, simbolo della lotta alla discriminazione e il razzismo.

Oggi, 30 aprile, si festeggia la Giornata internazionale, ricorrenza istituita ufficialmente nel 2011 dall’Unesco con l’intento di riconoscere il valore di questa musica e la sua capacità di unire le persone di tutto il mondo. ‘Se hai bisogno di chiedere cos’è il jazz, non lo saprai mai’, diceva Louis Armstrong, uno dei principali interpreti di questo genere caratterizzato dall’improvvisazione e da un’immediata comunicazione, e che vede proprio nella tromba uno dei suoi strumenti più rappresentativi. Altri due strumenti a fiato simbolo del jazz sono il sax ed il clarinetto, mentre il pianoforte, la batteria e il contrabbasso sono gli altri strumenti musicali principali che ‘hanno preso vita’ sotto le abili mani dei jazzisti.

Senza dimenticare le grandi voci, in particolare quelle femminili, accompagnate da piccoli complessi fino alle grandi orchestre. Il jazz rimane oggi un genere musicale straordinario e in continua evoluzione, suonato, cantato e interpretato nel passato da uomini e donne protagonisti di storie spesso tormentate, sregolate e disperate. Artisti dal talento puro che hanno illuminato e arricchito con la loro musica le città di New Orleans, Chicago e New York per espandersi poi il tutto il mondo fino ai nostri giorni. Un esempio è il compositore norvegese Jan Garbarek, sassofonista tenore e soprano, classe 1947. Come scriveva Arrigo Polillo, giornalista e critico di jazz fra i più autorevoli al mondo, ‘il jazz non è il prodotto di pochi uomini di genio, ma è la musica di un popolo, a cui hanno dato un contributo di rilievo centinaia di uomini’. Sul portale https://jazzday.com/ è possibile seguire tutti gli eventi dedicati all’International jazz day 2021.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»