Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Covid, Rt nazionale allo 0,85: nessuna regione a rischio alto

Il tasso di occupazione in terapia intensiva a livello nazionale è uguale alla soglia critica (30%)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nel periodo compreso tra il 7 e il 20 aprile l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,85 (range 0,80- 0,91), in lieve aumento rispetto alla settimana precedente (quando era a 0,82 ndr), però sotto l’uno anche nel limite superiore”. È quanto si legge nella bozza dell’ultimo monitoraggio sull’andamento dell’epidemia da Covid-19 dell’Istituto superiore di Sanità e del ministero della Salute.

“Questa settimana si osserva ancora una diminuzione della incidenza settimanale (146,3 per 100.000 abitanti (19/04/2021-25/04/2021) vs 157,4 per 100.000 abitanti (12/04/2021-18/04/2021)- si legge poi nel report- Sebbene la campagna vaccinale progredisca significativamente, complessivamente, l’incidenza resta elevata e ancora ben lontana da livelli (50 per 100.000), che permetterebbero il contenimento dei nuovi casi”.

UNDICI REGIONI A RISCHIO MODERATO

“Si osserva un miglioramento generale del rischio, con nessuna Regione a rischio alto secondo il DM del 30 Aprile 2020. Undici Regioni/PPAA hanno una classificazione di rischio moderato (di cui nessuna ad alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane) e dieci Regioni che hanno una classificazione di rischio basso (una ad alto rischio di progressione a rischio moderato)”.

“Tre Regioni (vs quattro la settimana precedente) hanno un Rt puntuale maggiore di uno- si legge ancora nel report- Tra queste, due Regioni (Campania e Sicilia) hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 2. Le altre Regioni/PPAA hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo uno”.

 TASSO TERAPIE INTENSIVE AL 30%

“Scende, ma rimane alto, il numero di Regioni/PPAA che hanno un tasso di occupazione in terapia intensiva e/o aree mediche sopra la soglia critica (8 Regioni/PPAA vs 12 della settimana precedente). Il tasso di occupazione in terapia intensiva a livello nazionale è uguale alla soglia critica (30%), con una diminuzione nel numero di persone ricoverate in terapia intensiva, che passa da 3.151 (20/04/2021) a 2.748 (27/04/2021)”. “Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende ulteriormente- prosegue il report- ed è sotto la soglia critica (32%). Il numero di persone ricoverate in queste aree passa da 23.255 (20/04/2021) a 20.312 (27/04/2021)”.

ISS: “ULTERIORE CALO DEI NUOVI CASI NON ASSOCIATI A CATENE TRASMISSIONE

 “Si osserva una ulteriore diminuzione nel numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (27.561 vs 29.892 la settimana precedente)”.

“La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in aumento (38,3% vs 37,9% la scorsa settimana)- si legge ancora- È invece stabile il numero di casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (38,7% vs 38,4%). Infine, il 23% è stato diagnosticato attraverso attività di screening”. 

ISS: “MOLTI CASI HANNO CONTRATTO INFEZIONE IN PRIMA DECADE APRILE

 “Per i tempi che intercorrono tra l’esposizione al patogeno e lo sviluppo di sintomi e tra questi e la diagnosi e successiva notifica, verosimilmente molti dei casi notificati in questa settimana (dal 19 al 25 aprile, ndr) hanno contratto l’infezione nella prima decade di aprile”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»