Tg Politico Parlamentare, edizione del 30 aprile 2020

https://www.youtube.com/watch?v=QMVNq8Tk9-s&feature=youtu.be ULTIMATUM DI RENZI A CONTE, GOVERNO AL BIVIO Il governo di nuovo di fronte al bivio della fiducia. Matteo Renzi al
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ULTIMATUM DI RENZI A CONTE, GOVERNO AL BIVIO

Il governo di nuovo di fronte al bivio della fiducia. Matteo Renzi al Senato lancia un ultimatum al premier Giuseppe Conte. “Scelga se ci vuole al suo fianco oppure no”, e’ il monito di Renzi che accusa l’esecutivo di volere i pieni poteri, quei pieni poteri che sono stati negati a Matteo Salvini. Prima alla Camera e poi al Senato, il premier ha difeso la fase due e ha rivendicato l’uso dei decreti della presidenza del consiglio come strumento tempestivo ed efficace per affrontare l’emergenza coronavirus. Nessuna prevaricazione sul Parlamento, dice Conte che annuncia tuttavia un allentamento delle misure per differenti aree geografiche e ventila l’ipotesi di aprire centri estivi e asili per i bambini. Intanto a Palazzo Chigi arriva la prima manifestazione di protesta. In strada a protestare il Movimento per la Casa.

PRIMO MAGGIO, LAVORO CONTRO VIRUS

Un primo maggio diverso, dominato dalle preoccupazioni sempre piu’ diffuse. Cosi’ il mondo del lavoro festeggia la ricorrenza piu’ cara. Quest’anno niente manifestazione, niente concertone in piazza. Cgil, Cisl, Uil hanno deciso di trasformare la festa in un programma televisivo che andra’ in onda per quattro ore, dalle 20 alle 24 su Rai3, di testimonianze, racconti e musica live. Lo slogan scelto è “il lavoro in sicurezza per costruire il futuro”. Per il leader Cgil, Maurizio Landini “la forza, la generosita’ e la responsabilita’ che il mondo del lavoro sta dimostrando sono la strada che dobbiamo seguire. E’ il lavoro che sconfiggerà questo virus”.

ARRIVA IMMUNI, IDENTITA’ PROTETTE

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto Bonafede sulle misure legate alla tutela della privacy nell’utilizzo di Immuni, l’app di tracciamento dei contatti scelta per orientare la fase 2 dell’emergenza coronavirus. Immuni sarà scaricabile in modo volontario, non è prevista la geolocalizzazione e i dati raccolti saranno cancellati il 31 dicembre 2020. “Saranno utilizzati codici che non permetteranno di risalire all’identità dell’utente”, assicura il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»