“Sotto la doccia”, Caritas cerca canzoni per playlist

La Caritas di Rimini chiede a cantautori e band di donare un canzone: la musica allieterò le docce degli ospiti e magari poi ne nascerà un cd
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

RIMINI – Che cantare sotto la doccia sia piacevole e liberatorio è un dato di fatto, non solo perché rilassa e rallegra, ma anche perché la voce risuona molto più intonata e con dei bassi più solidi. E allora, perché non regalare una canzone, anzi, più canzoni agli indigenti che chiedono di fare una doccia? L’idea è venuta alla Caritas diocesana di Rimini che invita cantautori, cantanti e musicisti di professione, ma anche giovani, gruppi, band e cori del territorio a mandare un pezzo in un file audio. Così da creare una playlist da far suonare per rendere ancor più gradevole la doccia degli ospiti e magari, più avanti, ricavarne un cd.

L’iniziativa, ribattezzata “Cantando sotto la doccia“, chiede dunque di donare una canzone. Per partecipare basta inviare un file audio a: [email protected]

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Centro studi Ugl: “Rischio quasi 10 milioni in povertà assoluta”

 

“In seguito, la playlist che ci auguriamo possa ogni giorno aumentare… di volume, potrebbe diventare un cd che Caritas potrebbe produrre e vendere per re-investire il ricavato a favore i poveri”, spiega il direttore della Caritas, Mario Galasso. Ed è anche “un tentativo per coinvolgere professionisti e non della musica e dar loro un palcoscenico diverso da quello abituale“.

Madrina dell’iniziativa è la cantautrice Elena Boschiero, che ha aperto concerti o duettato, tra l’altro, con Gino Paoli, Danilo Rea, Paola Turci, Maria Gadù, Ron, Luca Barbarossa, Neri Marcorè. “Cantando sotto la doccia è un progetto speciale. L’uomo ha tante necessità ma ha anche bisogno di bellezza, specie in questo momento- dice Boschiero- speriamo di regalarne un po’ con la musica”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»