A Olbia consigliera insulta in diretta streaming la collega

Evidentemente non si era accorta di avere il microfono aperto, è bufera su Giulia Derosas di Forza Italia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – È bufera in Sardegna sulla consigliera comunale di Olbia, Giulia Derosas (Fi), che ieri sera ha insultato con parole molto offensive la collega Patrizia Desole, esponente del Pd, durante la diretta streaming della seduta del Consiglio.

Derosas, che evidentemente non si era resa conto di avere il microfono acceso, ha commentato così l’assenza di Desole dalla riunione, motivata da impegni di lavoro: “È andata via per un impegno di lavoro? Alle 10? E cosa deve fare, la battona in via Genova?”.

“Le gravi frasi offensive proferite contro la mia persona evidenziano quanto ancora siamo lontani dalla cultura del rispetto- il commento di Desole, tra l’altro responsabile dei Centro anti-violenza di Olbia-. Ancora una volta sono costretta, con profonda amarezza, a prendere atto del fatto che c’è ancora tanto da fare per affermare la cultura del rispetto e del riconoscimento delle donne. Che non può essere affrontato solo a livello normativo, ma deve riguardare ogni singola persona, affinché si affermi una coscienza collettiva che sgretoli i mai superati stereotipi e pregiudizi: quelli di una cultura maschilista. Mi addolora che una giovane donna, che si affaccia alla vita politica, che dovrebbe essere un esempio per le giovani, si riveli invece portatrice di una sub cultura del non rispetto, primitiva e triviale, esprimendo frasi ingiuriose contro un’altra donna senza avere cognizione della gravità e della portata di tali affermazioni, nella massima istituzione cittadina, dove ogni consigliere esprime il mandato conferitogli dalla cittadinanza”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»