Trasporti, Amt Genova: “Con la distanza di un metro il servizio si blocca”

L'amministratore unico della municipalizzata del trasporto pubblico nel comune di Genova, Marco Beltrami, spiega le novita' in funzione da lunedi' con l'avvio della 'fase 2'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

GENOVA – “Oltre all’obbligo di indossare la mascherina, la cosa piu’ evidente che noteranno i passeggeri da lunedi’ sara’ che oltre il 50% dei posti a sedere avra’ un apposito adesivo che vietera’ la seduta, per rispettare le normative in termini di distanziamento”. Cosi’ all’agenzia Dire l’amministratore unico di Amt, la municipalizzata del trasporto pubblico nel comune di Genova, Marco Beltrami, spiegando le novita’ in funzione da lunedi’ con l’avvio della cosiddetta fase 2. 

Non tutte le misure, pero’, sono ancora definite. “Ovviamente, ci saranno tutte le indicazioni per mantenere il distanziamento fisico- spiega il manager- il dpcm prevede un metro: l’applicazione rigida di questo distanziamento ha un impatto che bloccherebbe il servizio. Un bus da 10,5 metri, portata teorica 88 posti, potrebbe trasportare al massimo 12 persone; un bus da 18 metri, potrebbe portare 22-23 persone”. Estremizzando, aggiunge, “converrebbe utilizzare dei taxi. Oltre al fatto che sarebbe un po’ una foglia di fico perche’ il distanziamento preciso si puo’ tenere in situazioni statiche ma quando la gente sale e scende ci sono flussi per cui diventa molto piu’ complicato stare lontano un metro gli uno dagli altri”. Per questo, spiega Beltrami, “sono in corso trattative serrate a livello nazionale da parte di Astra, la nostra associazione di categoria, con i ministeri dei Trasporti e della Salute per verificare l’interpretazione del dpcm. L’ipotesi sarebbe quella di applicare a bordo le stesse indicazioni che valgono all’interno degli ambienti di lavoro, in cui si parla o di distanziamento o di mascherina. Il dpcm al momento li prevede entrambi”. 

Tra le altre misure, previsto un potenziamento della sanificazione, che gia’ da questa settimana puo’ contare sulla nebulizzazione di perossido di idrogeno: “Ogni mezzo che esce dalla rimessa, entrera’ o rientrera’ in servizio sanificato”, assicura Beltrami. Inoltre, sara’ migliorata “la comunicazione a bordo con una campagna dedicata alle norme comportamentali, con una serie di adesivi visibili anche dall’esterno del bus”, conclude il vertice di Amt.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»