Ex paziente 14enne dona mascherine all’ospedale di San Giovanni Rotondo

Myriam ha deciso di donarle al reparto di pediatria oncologica, dove ha trascorso una parte della sua giovane vita
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “Ciao dottoressa, sono Myriam. So che e’ un momento difficile soprattutto per voi che state sempre in prima linea, per questo ho deciso di contribuire donandovi delle mascherine. Con affetto, vi pensiamo sempre”. È con questo biglietto scritto a penna che Myriam, 14enne di Lavello in provincia di Potenza, ha fatto recapitare alcune mascherine monouso all’ospedale La casa sollievo della sofferenza di San Giovanni Rotondo, in Puglia. Le mascherine, in tessuto certificato monouso, sono state realizzate nell’atelier di Emilio Sasso, stilista di Lavello che nelle ultime settimane ha convertito la sua attivita’ nella produzione di dispositivi di protezione individuale per case di riposo, ospedali e forze dell’ordine. Myriam ha deciso di donarle al reparto di pediatria oncologica, dove ha trascorso una parte della sua giovane vita. A raccontare la sua storia, ringraziandola, la stessa clinica che in post sulla propria pagina Facebook ha scritto: “Myriam conosce bene l’importanza dell’uso delle mascherine e dell’isolamento ospedaliero: per lungo tempo ha combattuto la sua malattia in una delle coloratissime stanze della nostra pediatria oncologica e oggi, vittoriosa, ha voluto dare il suo contributo a quel reparto che l’ha accolta e curata per tanti anni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»