Coronavirus, De Luca: “Assembramenti rider? Non possiamo mettere sentinelle ovunque”

Il governatore ha fatto presente inoltre che non saranno modificati gli orari in cui è consentito il food delivery "perché non si cena all'ora del tè e dei pasticcini"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI –  “Mi sono arrivate immagini di una ventina di rider davanti a una rosticceria di via Cilea a Napoli, un assembramento di una trentina di persone per trasportare il cibo a casa”. Lo dice il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca durante una informativa sul coronavirus in Consiglio regionale. Il governatore ha fatto presente che non saranno modificati gli orari in cui e’ consentito il food delivery “perché non si cena all’ora del tè e dei pasticcini ma in un orario definito da sempre. Si ha però il dovere di evitare assembramenti ed é un dovere che hanno gli esercizi commerciali. Noi – ha precisato De Luca – non possiamo mettere le sentinelle davanti a ogni negozio, servono responsabilità e controlli”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Coronavirus, rider di Napoli: “Noi assembrati per consegne da 3 euro”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»