VIDEO | Vaccino per il Coronavirus a ottobre? “Traguardo ambizioso. Ma i risultati dei test sono buoni”

Liguori (Irmb): "Il recente accordo tra lo Jenner Institute, l'Università di Oxford e AstraZeneca accelera il progetto"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il recente accordo tra lo Jenner Institute, l’Università di Oxford e AstraZeneca è molto importante per l’accelerazione e lo sviluppo internazionale del vaccino contro il Covid-19. AstraZeneca è una multinazionale che possiede una grande rete di distribuzione, una grande capacità di sviluppo e anche di produzione. Per questo ci congratuliamo con lo Jenner Institute e l’Università di Oxford per avere avuto la possibilità di concludere questo accordo che non è importante solo per il progetto in sé, ma per tutta la comunità”. Così Matteo Liguori, ad dell’Irbm, commenta all’agenzia Dire via Skype l’accordo internazionale siglato nelle ultime ore.

“Questo perchè- prosegue Liguori- come già dichiarato dalla Oxford University, si prevede di operare secondo un modello senza profitto durante il periodo della pandemia e questo nobilita ancora di più questa intesa appena raggiunta”.

“Il traguardo di avere a ottobre il vaccino in distribuzione è molto ambizioso- aggiunge- Certamente tutto il sistema che deve essere coinvolto in questo processo sta lavorando alacremente e in maniera molto veloce. Anche questo nuovo patto con AstraZeneca sarà fondamentale per permettere di lavorare in parallelo e farsi trovare pronti in tempi molto veloci nel momento in cui il vaccino sarà validato. I test in Inghilterra sull’uomo sono iniziati da pochi giorni, ci vorrà del tempo perché si possano avere dei risultati chiari e stabili. Per ora la cosa importante è che i test siano iniziati e vadano avanti secondo il programma prestabilito”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»