Tartarughe marine, oggi Selvaggia torna al largo: il rilascio in diretta Fb

Dopo tre mesi di cure, la Fondazione Cetacea onlus di Riccione oggi libererà questa tartaruga marina che era rimasta impigliata nelle reti di un peschereccio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Venerdì scorso due tartarughe Caretta Caretta sono state rilasciate nell’Adriatico in diretta Facebook, oggi invece toccherà a Selvaggia, femmina adulta di tartaruga comune che dopo 3 mesi di cura tornerà libera di nuotare nel mare. A rilasciarla, come nel caso delle due Caretta, è ancora una volta la Fondazione Cetacea di Riccione, che l’aveva ricoverata a metà dello scorso gennaio con un principio di annegamento, dopo essere rimasta impigliata nelle reti a strascico di un peschereccio di Cesenatico. L’appuntamento è alle 11 sulla pagina Facebook di Fondazione Cetacea Onlus.


tartaruga adriatico

Il momento del rilascio sarà preceduto da brevi interviste allo staff dell’associazione. L’evento è promosso da due progetti cofinanziati dal programma della Commissione Europea Life, Tartalife e Life Medturtles.

LEGGI ANCHE: Earth Day, Legambiente: “Noi con le tartarughe marina”. E arrivano i droni per monitorarle

La pesca accidentale in reti a strascico resta la principale causa di mortalità delle tartarughe marine in alto Adriatico, ma se si interviene in tempo con il recupero è anche una delle problematiche che si può risolvere più in fretta con esiti positivi. 

LEGGI ANCHE: In Sardegna stop alla tartaruga ‘americana’, parte piano per mandarla via

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»