Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Violenza sulle donne, la Lega lancia raccolta firme per la castrazione chimica

Matteo Salvini sostiene l'iniziativa: "Castrazione chimica per curare pedofili e stupratori"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Per pedofli e stupratori galera e castrazione chimica. Vieni a firmare la proposta di legge della Lega! Questo fine settimana (4/5 maggio) nelle piazze di tutta Italia, così il Parlamento non potrà far finta di nulla”. La Lega chiama a raccolta i suoi militanti: un volantino con la foto di Matteo Salvini invita a firmare nei banchetti del Carroccio per chiedere una legge sulla castrazione chimica.

LEGGI ANCHE: Stupro a Viterbo, in carcere un consigliere comunale e un militante di Casapound. Espulsi

VIOLENZA DONNE. SALVINI: CARCERE NON BASTA, ORA CASTRAZIONE CHIMICA

“Ancora uno stupro, il carcere non basta. Sabato e domenica in tutte le piazze d’Italia la Lega raccoglierà firme a sostegno della sua Proposta di Legge per introdurre la castrazione chimica (oltre al carcere) per curare pedofili e stupratori.” Così il segretario della Lega Matteo Salvini.

LEGGI ANCHE:

Violenza donne, Spadoni (M5S): “La castrazione chimica non serve”

VIDEO | Castrazione chimica, Bonino: “Ci vuole giustizia, non vendetta”. Fedeli: “È violenza su persona”

La ministra Bongiorno è pronta ad introdurre la castrazione chimica

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»