Instagram e Facebook bloccano gli account di Rachele Mussolini: “Agiscono come il Kgb”

"Non so proprio dove andremo a finire", dice la nipote del dittatore fascista
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Un semplice fiocco nero, senza alcun riferimento. E’ bastato addirittura questo, un paio di giorni fa, a rendere censurabile agli occhi di Instagram il mio profilo e a far sì che il social rimuovesse immediatamente il post che avevo pubblicato sul mio account in occasione del settantaquattresimo anniversario della scomparsa di mio nonno”. Così Rachele Mussolini, consigliere comunale della lista civica Con Giorgia e Vice Presidente della commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza di Roma Capitale.

LEGGI ANCHE: Sulla Rai servizio Tgr da Predappio con saluti romani, è bufera. Direzione Tgr dura: “Ci dissociamo”

“Eppure- continua Rachele Mussolini- non avevo pubblicato frasi di commiato e tantomeno fatto menzione della ricorrenza o nominato Benito Mussolini. Sembrerà strano, ma, nonostante capiti ormai sempre più di frequente a me o ad altri esponenti della mia famiglia, io non riesco a smettere di indignarmi per l’atteggiamento discriminatorio che il mondo dei social continua ad adottare nei nostri confronti”.

“E’ evidente- continua- che la polizia di pensiero messa in campo da Facebook e Instagram agisce secondo le stesse modalità messe in campo dal Kgb: pur di controllare qualsiasi forma di comunicazione, arriva addirittura a contravvenire anche ai più elementari principi democratici. Non so proprio dove andremo a finire, continuando di questo passo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»