Alitalia, Calenda: “Farla fallire subito sarebbe choc per il Pil”

"Sarebbe immorale e allucinante", spiega Calenda, anche"punire i contribuenti che hanno i loro motivi per essere seccati dopo aver messo 7 miliardi sulla compagnia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non si può far fallire Alitalia dalla mattina alla sera perché non ci sarebbero più collegamenti con tutte le aree del paese che serve la compagnia. Sarebbe uno shock al Pil molto superiore dello scenario a cui stiamo guardando con 6 mesi di prestito ponte in modo da trovare un acquirente per garantire i servizi di cui gli italiani hanno bisogno”. Lo dice il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, a ‘L’intervista’ di Maria Latella su SkyTg24.

“OK RENZI, MA IMMORALE PUNIRE CONTRIBUENTI”

“Ha ragione Renzi a dire che sarebbe allucinante punire i dipendenti di Alitalia, sarebbe immorale aggiungo. Ma completo dicendo che sarebbe immorale e allucinante punire i contribuenti che hanno i loro motivi per essere seccati dopo aver messo 7 miliardi sulla compagnia“.

LEGGI ANCHE Alitalia, Renzi: “Il Governo non la lascerà andare in malora”

GUBITOSI, GOVERNO DECIDE LA PROSSIMA SETTIMANA

Ci sarà Gubitosi nella prossima Alitalia? “Lo decideremo insieme nel governo la prossima settimana”, chiarisce Calenda.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»