Sud, Renzi: “Solo l’11% dei turisti stranieri va sotto Roma, è una vergogna”

CATANIA - "Quando siamo arrivati nel 2014 solo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

matteo renzi

CATANIA – “Quando siamo arrivati nel 2014 solo l’11% dei turisti stranieri che arrivavano in Italia scendevano sotto Roma. Come in Alto Adige, l’11%. Ma vi sembra normale che la Campania, la Calabria, la Sicilia, la Puglia, la Basilicata, il Molise, tutte insieme facciano l’11% quanto la provincia di Bolzano? Non la ritenete un’autentica vergogna?”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi, a Catania per la firma del ‘Patto per la Sicilia’.

Una vergogna, ha aggiunto, “che deve essere superata attraverso un impegno comune da parte nostra, perche’ non e’ colpa degli altri: se non lo raccontiamo che cosa e’ il Mezzogiorno, se quando si va al Parlamento europeo ti urlano ‘mafia, mafia’, questo non e’ un modo di combattere la criminalita’ organizzata, allora bisogna avere il coraggio di combatterla senza pieta’”. E ancora, “dobbiamo dire con forza che questo paese ha tutte le condizioni per togliersi di dosso un atteggiamento di rassegnazione. Noi metteremo tutta la forza che abbiamo perche’ nei prossimi due anni la rassegnazione prenda la strada dell’esilio. L’Italia non avra’ solo il jobs act e l’abbassamento delle tasse ma avra’ la possibilita’ di essere leader in Italia. L’Europa ha bisogno della cultura, della passione, delle idee italiane”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»