Vaccino, Curcio: “Per somministrazioni a fine giornata serve accordo con Regioni”

"Serve un accordo per indirizzare le dosi che restano non al ventenne, ma alla stessa categoria a cui erano destinate", ha detto il capo della Protezione civile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sulle somministrazioni del vaccino a fine giornata, “serve un accordo con le Regioni per indirizzare le dosi che restano non al ventenne, ma alla stessa categoria a cui erano destinate. Altrimenti si creano situazioni che stridono, persone che si mettono fuori e aspettano, meccanismi che fanno perdere la fiducia del cittadino senza la quale la campagna non va avanti“. Lo ha detto il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio in audizione in commissione Affari sociali della Camera sullo stato di attuazione del Piano nazionale dei vaccini.

NEL PRIMO TRIMESTRE 1 MILIONE DI DOSI IN MENO DI QUELLE PREVISTE

“Erano previste 15,6 milioni di dosi per il primo trimestre, questo valore oggi è chiuso a circa 14 milioni e 170mila dosi, quindi con un milione di dosi in meno rispetto a quanto era previsto nel piano del ministero della salute”.

SOMMINISTRATO 86% DOSI CONSEGNATE

“Abbiamo una efficienza come Paese, tra le dosi di vaccini consegnate e quelle somministrate, pari all’86%. Una percentuale destinata a diminuire con l’aumento delle dosi consegnate”.

LOMBARDIA CON PIÙ SOMMINISTRAZIONI, 85% DOSI RICEVUTE

“La Lombardia è la regione che ha vaccinato di più a livello nazionale, con la somministrazione dell’85% delle dosi ricevute, ieri ha vaccinato più di 37mila persone. Ma la performance della Lombardia condiziona tutta la campagnia nazionale, se la regione non andasse a regime si impatterebbe sull’obiettivo dei 500mila vaccini al giorno”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»