Il Comandante dell’Accademia AM Pozzuoli: “Giuramento emozione simbolica”

"Cogliamo le caratteristiche delle nuove generazioni e le esaltiamo al meglio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Cerchiamo di innovarci anche nell’Accademia provando a cogliere le caratteristiche delle nuove generazioni ed esaltarle al meglio”. Il giuramento degli allievi dell’Accademia aeronautica di Pozzuoli avvenuto oggi, a Palazzo, in questo anniversario, è “un’emozione simbolica per loro: essere in questo luogo per la prima volta, è difficile da immaginare per noi quanto sia stata grande, cosa abbia percepito un allievo o allieva oggi. Sono stati travolti da questo periodo che li ha visti entrare in Accademia quattro mesi dopo i loro predecessori. Fino alla settimana scorsa hanno avuto la loro sessione d’esami per la quale hanno avuto tre mesi in meno, rispetto ai loro colleghi, per prepararsi. Sono venuti qui davanti a tutta l’Aeronautica a giurare, se pensiamo al loro vissuto capiamo la loro emozione”. Così il Generale Paolo Tarantino, Comandante dell’Accademia Aeronautica di Pozzuoli, ha descritto ai giornalisti il giuramento degli allievi d’Accademia di Pozzuoli, corso Borea VI, che stamane si è celebrato a Palazzo Aeronautica nella cerimonia per i 98 anni della Forza Armata, sotto l’abbraccio “di unione” delle Frecce Tricolori, come lo ha descritto il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, nel suo discorso di questa mattina.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»