Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vaccino, Figliuolo: “Categorie con priorità? Si rischia nepotismo. Prima i fragili”

vaccino over 80
"Rispetto alle dosi distribuite per Regioni, voglio ribadire che nessun cittadino può avere più opportunità di un altro residente in un'altra Regione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se noi pensiamo per categorie rischiamo di fare nepotismo, comprendo che si voglia garantire a chi ha fornito servizi essenziali un’adeguata ricompensa ma poi si aggiungerebbero sempre nuove categorie. Dobbiamo invece pensare ai fragili, agli anziani. Ieri avevamo tanti, tantissimi ricoverati in terapia intensiva. Io ascolto tutti ma quello che voi onorevoli state chiedendo prevede 50mila postazioni vaccinali e dosi ancora più ingenti che non ci sono”. A dirlo è il commissario straordinario all’emergenza Francesco Paolo Figliuolo, rispondendo alle domande dei deputati e dei senatori, nel corso dell’audizione congiunta di Camera e Senato sullo stato di attuazione del piano strategico nazionale dei vaccini per la prevenzione delle infezioni da SARS-CoV-2.

“In merito alla platea di AstraZeneca che può essere ampliata ad altre classi di età e tipologie di vaccinatori che possano comprendere anche le ostretiche o le ginecologhe – risponde il commissario – vi dico che può andar bene, ne stiamo parlando con il ministro della Salute Roberto Speranza ma poi non venite a parlarmi del piano vaccinale israeliano. Analogo ragionamento per quanto riguarda i farmacisti, con l’accordo raggiunto ieri: se vogliamo un piano vaccinale diverso facciamolo, ma questo diventa un piano vaccinale dei sogni in cui ogni giorno aggiungiamo un pezzo che risponde ad una nuova esigenza”.

Ho visto stamattina il video del cantautore Antonello Venditti che ha voluto dare l’esempio dicendo ‘io sono un cantautore, devo fare il vaccino che mi forniscono e non scegliere’. Quindi se AstraZeneca è stato previsto per coorti di popolazione ampie, ricordo che non lo ha deciso il commissario, non l’ho deciso io”, precisa Figliuolo, che aggiunge: “La Costituzione ci dice che siamo tutti uguali. Rispetto alle dosi distribuite per Regioni, voglio ribadire che nessun cittadino può avere più opportunità di un altro residente in un’altra Regione, eccezion fatta per le categorie vulnerabili che hanno priorità uguali in tutte le Regioni. E’ la nostra Costituzione a dirci che siamo tutti uguali e dobbiamo agire con equità”.

“Rispetto alle dosi aggiuntive per colmare eventuali gap di dosi ed in relazione a cluster – chiarisce Figliuolo – non facciamo campanilismo, ci sono interlocuzioni in corso con il presidente dell’Umbria Tesei. Stiamo comunque dando alle Regioni la programmazione dei vaccini ma non di tutti i vaccini: Johnson & Johnson e Moderna si sono per esempio riservate la possibilità di non darci le date, ci forniscono il numero delle dosi ma non le date. Pfizer invece ha fornito tutta la programmazione del mese. Erano arrivate 6 milioni e 500mila circa il 28 febbraio e confermo che sui punti di distribuzione arriveranno le dosi previste dal piano vaccinale della struttura commissariale”.

Tra i punti conclusivi dell’intervento di Figliuolo, la risposta sul vaccino ai connazionali residenti all’estero: “In merito ai nostri connazionali che risiedono all’estero con il ministro della Salute Speranza ci confronteremo per organizzare le loro vaccinazioni, che posso assicurare che ci saranno – conclude il commissario”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»