fbpx

Tg Sanità, edizione del 30 marzo 2020

Il Covid19 tiene banco in questa edizione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

CORONAVIRUS. ISS: SOLO DOPO DATI PASQUA POSSIBILE RIVEDERE DIVIETI

“Il virus rallenta, ma solo dopo i dati di Pasqua si potranno rivedere i divieti”. A dirlo il presidente dell’Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, in un’intervista rilasciata al quotidiano ‘Repubblica’. “Il rallentamento c’è- ha proseguito Brusaferro- Assistiamo a un appiattimento della curva, non ci sono ancora segnali di discesa, ma va meglio. Il presidente dell’Iss ha fatto poi sapere che “anche quando i casi di Coronavirus scenderanno a zero, la vita non tornerà come prima per un bel po’ di tempo. Almeno- ha concluso- finché non verrà trovato un vaccino o un farmaco efficace contro la malattia”.

CORONAVIRUS. CSS: IMPOSSIBILE DEFINIRE MOLTIPLICATORE ASINTOMATICI

“E’ impossibile oggi definire con precisione il moltiplicatore degli asintomatici. Lo andremo a recuperare attraverso studi in varie aree del Paese”. Così il presidente del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli, in occasione di una conferenza stampa a Roma sull’analisi dell’andamento epidemiologico relativo al Covid-19. “L’indagine- ha proseguito- ci permetterà di capire quali soggetti hanno sviluppato gli anticorpi contro il Coronavirus”. Secondo Locatelli, c’è comunque “sicuramente una quota di soggetti che ha incontrato il virus e che non è diventata sintomatica o che ha avuto una sintomatologia molto sfumata”, ha concluso.

CORONAVIRUS. ANTICORPI UMANI PER COMBATTERE COVID-19, AL VIA RICERCA TLS

‘Estrarre’ da pazienti convalescenti o guariti da Covid-19 gli anticorpi giusti per neutralizzare il virus, poi clonarli, industrializzarli e farli diventare una terapia con farmaci biologici. È questo in sintesi l’obiettivo del progetto di ricerca avviato dalla Fondazione Toscana Life Sciences in collaborazione con l’Istituto nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, che fornira’ il sangue dei pazienti da cui ‘estrarre’ gli anticorpi. Il progetto mira in particolare allo sviluppo di anticorpi monoclonali umani in risposta all’infezione da SARS-CoV-2, con l’intento di utilizzarli a scopo profilattico/terapeutico e come esca molecolare per la ricerca di antigeni per lo sviluppo di vaccini.

CORONAVIRUS. DA AIFA-SPALLANZANI OK A REMDESIVIR: SI PUÒ DI NUOVO USARE

Potrà di nuovo essere usato per curare i pazienti italiani affetti da Covid-19 il Remdesivir, l’antivirale sperimentale prodotto negli Stati Uniti. Il farmaco, utilizzato originariamente per trattare i casi di Ebola, ha infatti ottenuto l’autorizzazione dal comitato tecnico-scientifico dell’Agenzia italiana del Farmaco e dal comitato etico dell’Istituto nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma. A darne l’annuncio è stata l’assessore alla Sanità della Regione Liguria, Sonia Viale.

CORONAVIRUS. PIETRO BARTOLO: PAURA? NE HANNO DI PIÙ BIMBI NEI LAGER DI LESBO

“Paura del Coronavirus? Certamente, ma hanno più paura quelle persone sulle isole Greche, rinchiuse nei lager di Lesbo, di cui non si parla più, e che stanno vivendo davvero una situazione tragica. Noi non possiamo dimenticarli. Non possiamo scordare quei bambini che hanno perso tutto e non si sentono più esseri umani e proprio per questo tentano il suicidio”. Pietro Bartolo, storico medico di Lampedusa e oggi europarlamentare, sulla questione delle isole greche ai confini con la Turchia consegna all’agenzia Dire un grido d’allarme rivolto all’Europa, che a sua detta “dovrebbe risolvere i problemi, dare delle risposte, e invece ha abbandonato la Grecia, la Spagna e l’Italia a loro stesse”.

CORONAVIRUS. ‘RINASCERAI’, ROBY FACCHINETTI SCRIVE CANZONE PER SUA BERGAMO

Bergamo è tra le città italiane più colpite dal Coronavirus. E Roby Facchinetti, che proprio lì è nato e vive, le ha voluto dedicare una canzone. Si intitola ‘Rinascero’, rinascerai’ ed è stata scritta dal tastierista dei Pooh insieme all’ex compagno di avventura Stefano D’Orazio. I suoi proventi saranno interamente devoluti all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo per l’acquisto di attrezzature mediche. La canzone e’ disponibile su tutte le piattaforme digitali.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»