Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Legame mamma-concepito già nelle prime fasi della fecondazione

Così in un 'abstract' per DireDonne, Francesca Malatacca, Psicoterapeuta Psicologa Perinatale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I legami di attaccamento passano attraverso meccanismi neurobiologici estremamente precisi. Il delicatissimo meccanismo neuroendocrino, quindi, e’ rivolto a favorire il processo di generazione della vita e i legami di attaccamento tra il frutto del concepimento e la madre. Cosi’ in un ‘abstract’ per DireDonne, Francesca Malatacca, Psicoterapeuta Psicologa Perinatale.

L’Attaccamento precoce madre – bambino si realizza percio’, nelle prime fasi della fecondazione, proprio durante l’annidamento e nelle fasi successive. Qualora la gravidanza fosse traumaticamente interrotta- spiega la dottoressa- si avrebbero vere e proprie lesioni psichiche legate a meccanismi psicodinamici ben noti ma anche a dimensioni neurobiologiche che rappresentano sul piano psicosomatico conseguenze piu’ gravi. Una reazione cortico-surrenale o un evento che interrompa l’asse ipotalamo – ipofisi – gonadi rappresenta un fattore di immunodepressione che predispone a molte patologie.

La psiconeuroendocrinoimmunologia- chiarisce la dottoressa- rappresenta anche a lungo termine, il corollario essenziale delle reazioni gravi nelle interruzioni di gravidanza, e soprattutto nella dimensione dell’Imprinting mnemonico in donne che l’abbiano subita. Lo spazio mentale e’ sede della preparazione biologica dell’utero accogliente. Elaborare un ‘grembo psichico’ in cui il bambino e’ immaginato ancor prima di nascere. Lo ‘spazio mentale’ diventa relazione con il bambino. L’attaccamento Prenatale Materno e’ definito come investimento immaginativo ed emotivo che da’ luogo ad uno spazio mentale che una madre sviluppa verso il proprio figlio. Il mondo non e’ mai pronto- conclude Malatacca- alla nascita di un bambino.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»