Myplan, l’app anti-violenza per proteggere le donne africane

Il progetto della John Hopkins di Baltimora arriva in Kenya
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Kenya, Ghana e Somalia saranno i primi Paesi africani dove approdera’ MyPlan, la app per smartphone e tablet che aiuta le donne di prendere coscienza e eventualmente a denunciare casi di violenza subiti nella vita di coppia o da ex partner.
“In passato ho lavorato in diversi Paesi africani su programmi di prevenzione e risposta agli abusi e ho potuto rendermi conto degli ostacoli che le ragazze e le donne hanno a ottenere aiuto” ha detto Nancy Glass, a capo del progetto MyPlan, realizzato dalla Scuola di ostetricia John Hopkins di Baltimora nel 2016 e gia’ testato negli Stati Uniti, Canada e Australia.
Il funzionamento di MyPlan e’ intuitivo: una volta scaricata gratuitamente, l’applicazione chiede all’utente una serie di informazioni sul proprio partner (o ex partner) e sulla relazione a rischio. Poi, attraverso un servizio di messaggistica istantanea, esperti contattano la donna e le forniscono consulenza, definendo il grado di “pericolosita’” della relazione e suggerendo le azioni da intraprendere per proteggere se stessa e per provare a risolvere i problemi. Secondo Glass, si tratta di un vero e proprio “piano di emergenza”, che nei casi piu’ gravi prevede che la donna si allontani dall’uomo. Lo staff di MyPlan si impegna anche a mettere l’utente in comunicazione con le strutture sociali o sanitarie piu’ vicine.

Secondo Glass, la principale difficolta’ per molte donne “e’ comprendere se la propria relazione e’ ‘sana’ o meno e quindi raggiungere i servizi disponibili nella propria comunita’”. “Alcune – ha aggiunto l’esperta della John Hopkins – ci hanno persino detto che la nostra app ha salvato loro la vita”. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms), a livello globale il 30 per cento delle donne ha subito violenza da parte del marito, del compagno o anche di un ex. Secondo statistiche dell’Onu, in Kenya il problema riguarda addirittura quattro donne su dieci: per questo la app sara’ disponibile subito in quel Paese, per poi diffondersi nel resto dell’Africa.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»