“The Handmaid’s Tale”, il trailer della seconda stagione

I nuovi episodi dal 26 aprile su Timvision
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://www.youtube.com/watch?v=dKoIPuifJvE

ROMA –  A meno di un mese dalla messa in onda della seconda stagione di “The Handmaid’s Tale” arriva il trailer ufficiale della serie tv. Ispirati all’omonimo romanzo di Margaret Atwood (in italiano Il racconto dell’ancella) i nuovi episodi di “The Handmaid’s Tale” saranno disponibili in in Italia da giovedì 26 aprile in anteprima esclusiva per l’Italia su Timvision, a meno di 24 ore dalla messa in onda negli USA.

La seconda stagione articolata in 13 episodi si focalizzerà sulla gravidanza di Difred e sulla volontà di proteggere il suo bambino dalle terribili atrocità del regime di Gilead, lo Stato totalitario, militarizzato e misogino che ha trasformato le donne in oggetti di proprietà del regime, privandole di qualsiasi diritto. “Gilead è dentro di te”, uno dei motti preferiti di zia Lydia, si manifesterà in tutta la sua potenza: Difred, le ancelle e tutti i principali protagonisti saranno costretti definitivamente a combattere o soccombere a questa oscura verità.

Un’altra novità di questa seconda stagione sarà rappresentata dalle “colonie”, i territori contaminati dove le cosiddette “non donne” vengono recluse con il solo scopo di eliminare le radiazioni dal terreno: qui, la speranza di vita varia dai sei mesi ad un massimo di due anni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»