Pedemontana, Legambiente: “Non sia un’altra Salerno-Reggio Calabria”

Ieri le proteste degli agricoltori-ambientalisti in Consiglio regionale, oggi Legambiente chiede che si apra un confronto concreto con i cittadini del Veneto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Le autorità locali, regionali e nazionali dovrebbero impegnarsi “ad aprire un confronto concreto con i cittadini del Veneto per una realizzazione compatibile e funzionale” della superstrada Pedemontana veneta, in modo che non si trasformi in un’altra Reggio Calabria o in un’altra Bre.Be.Mi. A chiederlo è Legambiente Veneto, secondo cui la Pedemontana deve essere completata, ma il progetto deve essere rivisto e non solo dal punto di vista finanziario.

I capisaldi della revisione devono essere “lo stralcio del tratto ovest, l’eliminazione degli 11 caselli e la loro sostituzione con 28 accessi aperti e l’utilizzo di soluzioni innovative con un rilevante impiego di materiali riciclati in modo che si possa parlare di una “superstrada verde“, grazie anche alla realizzazione di “una necessaria infrastruttura verde complementare” alla grigia striscia di asfalto. Solo così la Pedemontana potrà essere “una infrastruttura utile e non invisa alle popolazioni, ed essere terminata con costi inferiori e veri benefici per l’area pedemontana veneta, per il suo ambiente e per chi vi abita e lavora”, conclude Legambiente.

di Fabrizio Tommasini, giornalista

LEGGI ANCHE:

Pedemontana, urla e striscioni in Consiglio regionale Veneto

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»