Sanità, il 4 aprile incontro su “bufale” in ambito medico-scientifico

PERUGIA - Come nascono le “bufale” in ambito medico scientifico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

perugia-piazza-1024x685PERUGIA – Come nascono le “bufale” in ambito medico scientifico sul web? Come si diffondono attraverso i social media? Com’è possibile combatterle?: sono le domande al centro dell’incontro promosso dalla Regione Umbria nell’ambito del Festival del giornalismo di Perugia e che si terrà venerdì 8 aprile dalle ore 12 alle 13 nella Sala Fiume di Palazzo Donini.
    Le “bufale” – spiegano i promotori – trovano terreno fertile sul web e in particolare sui social media. Molte false notizie, da quelle riguardanti il rapporto tra vaccinazione infantile e autismo fino a quelle che promettono cure miracolose per patologie spesso dall’esito infausto, riguardano l’ambito medico-scientifico. È necessario che le istituzioni, le società scientifiche si impegnino a comunicare tempestivamente una corretta informazione sulla verità scientifica, utilizzando anche canali non tradizionali e più vicini alla popolazione, una contro-informazione sul web e soprattutto sui social media?
All’incontro interverranno l’assessore regionale alla sanità, Antonio Bartolini; Eugenio Santoro, Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri; Eva Benelli, giornalista; Giuseppe Fattori, dell’Associazione Italiana Comunicazione Pubblica e Istituzionale; Piero Dominici, dell’Università degli studi di Perugia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»