Dalle Royalty del petrolio sei milioni destinati agli istituti lucani

Tra le priorità individuate: l’acquisto di defibrillatori e la proposta di istituire una task force di consultazione permanente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Sei milioni di euro derivanti dalle royalty del petrolio per dotare gli istituti scolastici lucani di più idonee attrezzature e strumentazioni. Lo ha annunciato l’assessore alle Attività produttive della Regione Basilicata con delega all’Istruzione, Francesco Cupparo, all’incontro che si è svolto oggi nella sede dell’ente a Potenza con i dirigenti scolastici degli istituti comprensivi e omnicomprensivi regionali.

L’assessore nel corso dell’incontro ha anche ricordato che sono stati finanziati interventi mirati alla realizzazione, alla riqualificazione e al potenziamento degli ambienti laboratoriali di settore (meccanica, chimica, elettronica, odontotecnica, robotica, costruzione, cucina) per gli istituti tecnici e professionali. La spesa complessiva è di circa 1,5 milioni di euro a valere sulle risorse Fsc 2007/2013. Obiettivo dell’incontro è stato raccogliere le esigenze dei dirigenti scolastici per “verificare se i 6 milioni per ora messi a disposizione sono sufficienti o se dobbiamo procedere a un nuovo finanziamento, tenuto conto che nel mese di giugno prossimo la giunta procederà alla riprogrammazione delle royalties in tutti i settori di intervento”, ha aggiunto l’assessore confermando “che il fondo riservato alle scuole è un punto fermo di questa programmazione e che pertanto sarà impiegato ogni anno”.

Tra le priorità individuate, l’acquisto di defibrillatori e la proposta di istituire una task force di consultazione permanente.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»