In Bolivia il Tribunale dei diritti della natura chiede di fermare la deforestazione

Il Tribunale internazionale chiede al governo di fermare la pratica dei piccoli roghi per favorire l'agricoltura. Potrebbe essere stata una delle cause dei terribili incendi dei mesi scorsi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Fermare la deforestazione e i piccoli roghi con cui in Bolivia si fa spazio ai terreni agricoli. È la richiesta che arriva dal  Tribunale internazionale dei diritti della natura, che ha chiesto al governo di modificare le norme introdotte dal precedente Governo Morales dove si dà l’ok alla deforestazione anche attraverso piccoli roghi. Quelle norme, sostiene il Tribunale, vanno revocate. La convinzione è che tale pratica sia stata una delle cause scatenanti degli incendi che lo scorso agosto hanno devastato la zona orientale del Paese, tra i dipartimenti di Santa Cruz e del Beni.

LEGGI ANCHE: Ucciso in Messico l’attivista che difendeva le farfalle monarca

Nella sentenza (non vincolante) del Tribunale dei diritti della natura si chiede al Governo presieduto da Jeanine Áñez di revocare le disposizioni che favoriscono incendi e deforestazione, ma si domanda anche di far cessare le attività legate allo sfruttamento intensivo di agricoltura e allevamento, soprattutto quelle che maggiormente danneggiano l’ambiente. È il caso dell’allevamento di bovini e l’esportazione di carne in Cina (su questo Morales firmò un faraonico accordo con il “gigante asiatico”) e la produzione di etanolo e biodiesel.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Amazzonia, in Bolivia le piogge spengono gli incendi: volontari in festa

Questo approccio “consumistico” del territorio è stato recepito dai Piani per l’uso del suolo recentemente approvati e riguardanti diversi dipartimenti. A suscitare proteste, in questo caso “dal basso”, è in particolare il Piano riguardante il dipartimento del Beni, nella zona amazzonica del Paese, approvato in novembre dal nuovo Governo, che ha destinato all’uso agricolo intensivo 10 milioni di ettari.

Il Centro etnico per il popolo Mojeños del Beni ha inviato una lettera alla presidente Añez chiedendo di poter essere ascoltato e di creare un tavolo tecnico per presentare le proprie proposte a favore dello sviluppo economico, sociale, culturale e ambientale del luogo. L’organizzazione sostiene che il Piano viola gli standard nazionali e internazionali, minacciando i mezzi di sussistenza delle popolazioni indigene residenti in questa parte della Bolivia.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»