Lamorgese: “Le navi delle ong non sono ferme in mare”

"Navigano verso un porto sicuro e non abbiamo ancora provveduto perché non mi pare che ci sia stata ancora richiesta di porto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non parlerei di nave bloccata in mare perché le navi non sono bloccate, ma navigano verso un porto sicuro e non abbiamo ancora provveduto perché non mi pare che ci sia stata ancora richiesta di porto“. Così il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, a margine della giornata della memoria organizzata dall’IC ‘Largo Oriani’ di Roma, in relazione alla nave Open Arms. “La situazione di instabilità in Libia sta determinando un aumento dei flussi migratori”, ha aggiunto la titolare del Viminale.

“SALVINI MI DENUNCIA? NON MI SOTTRAGGO”

“L’ho detto per lui e lo dico a maggior ragione per me, ritengo che nessuno debba mai sottrarsi alla giustizia, quindi se mai ci sarà una denuncia poi si vedranno le responsabilità”, commenta Lamorgese in merito alle parole del leader della Lega Matteo Salvini che ha annunciato di volerla denunciare per sequestro di persona relativamente alla gestione della nave Ocean Viking.

Per le modifiche ai decreti sicurezza voluti dall’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini, “noi siamo pronti. Verranno discusse in Consiglio dei ministri, credo la prossima settimana, appena ci sarà la disponibilità di tempo”, ha poi specificato Lamorgese. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»