VIDEO | Picchiano disabile che reclama posto auto, 2 denunciati

PALERMO - Picchiato per avere reclamato il proprio posto auto garantitogli dalla legge in quanto disabile. È accaduto a Paternò,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Picchiato per avere reclamato il proprio posto auto garantitogli dalla legge in quanto disabile. È accaduto a Paternò, in provincia di Catania, nel dicembre scorso ma la notizia è stata resa nota soltanto oggi dopo che i Carabinieri hanno denunciato un 45enne e un 34enne che dovranno rispondere di lesioni personali aggravate.

Il video choc dei Carabinieri:

I fatti sono dell’1 dicembre

L’aggressione è scattata l’1 dicembre, quando la vittima, un sordomuto di 44 anni, dopo avere trovato il posto auto riservato ai disabili occupato, è riuscita a parcheggiare al termine di un’attesa di 15 minuti. A questo punto, secondo il racconto degli investigatori, è stato aggredito soltanto per avere “espresso loro il proprio disappunto“: parole che hanno “provocato una reazione violenta”.

La vittima lasciata a terra sanguinante

Oltre alle minacce gli aggressori hanno sbattuto più volte la portiera dell’auto contro la vittima, che una volta uscita dall’auto ha ricevuto anche un pugno al volto. “La legittima reazione – il racconto dei carabinieri – non ha fatto altro che scatenare la furia degli assalitori che hanno iniziato a picchiare crudelmente” con schiaffi, pugni e calci fino a lasciare la vittima “in terra sanguinante”. All’uomo, trasportato in ospedale, sono state riscontrate lesioni giudicate guaribili in 45 giorni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»