Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Legnini: “Finanzieremo ricostruzione di tutte le scuole dentro e fuori il cratere del terremoto 2016-17”

terremoto centro italia amatrice
Il commissario alla Ricostruzione annuncia altri 560 milioni di euro per completare 450 edifici scolastici danneggiati dal sisma che ha colpito il Centro Italia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PESCARA – Il commissario straordinario alla Ricostruzione per il sisma 2016-2017 Giovanni Legnini ha annunciato oggi quello che ha definito “il più grande programma mai varato in un colpo solo” per la ricostruzione delle scuole. Domani o dopodomani, con apposita ordinanza, ha infatti riferito nel corso della conferenza stampa convocata per fare il bilancio dell’attività del 2021 e illustrare le misure del Fondo Complementare al Pnrr, saranno “finanziate tutte le scuole danneggiate fuori e dentro il cratere“.

Per 189, ha quindi fatto sapere il commissario, ci saranno nuovi finanziamenti, per 80 integrazioni, per un totale di 560 milioni di euro. “Una cifra enorme – dice Legnini – il totale delle scuole che saranno in tal modo ricostruite supera le 450 per una spesa complessiva, tra quella passata, quella nuova e quella portata da altre istituzioni, di 1 miliardo e 200 milioni”.

“IN MANOVRA FONDI PER RICOSTRUZIONE PRIVATA E DI QUALITÀ”

Con i sei miliardi netti inseriti nella legge di Bilancio per la prosecuzione della ricostruzione privata “possiamo dire che, nei prossimi anni, il processo di ricostruzione privata, al pari di quella pubblica, ha una sufficiente e importante copertura finanziaria”, ha sottolineato Legnini. Nel ringraziare Governo e Parlamento per la sensibilità dimostrata per l’importante stanziamento e per aver reso stabile lo strumento del superbonus 110% – grazie al quale “per quattro anni abbiamo la possibilità di ricostruire edifici sicuri, sostenibili, energeticamente efficienti” e “conseguire quella ricostruzione di qualità che è necessaria in questi territori” -, il commissario alla Ricostruzione ha però sottolineato come altre tre richieste avanzate non siano state accolte, dicendosi però certo che saranno incluse nel Milleproroghe.

Le misure cui fa riferimento sono la proroga della sospensione dei mutui, anche quelli che interessano i Comuni e il rimborso della Tari dei Comuni danneggiati ricompresi nel cratere. “Ho fiducia – ha sottolineato Legnini – che nel Milleproroghe si possa dare risposta a queste esigenze”.

“NEL 2021 6.000 CANTIERI E 15MILA CASE RICONSEGNATE”

Nel 2021 sono stati aperti quasi 6mila cantieri per la ricostruzione del Centro Italia, circa il doppio del 2020 e che rappresentano circa la metà di tutti gli interventi attuati da quando la ricostruzione è iniziata. Le unità immobiliari riconsegnate ai cittadini, parliamo di prima e seconda casa, sono circa 15mila con altre 15mila che sono in fase di riconsegna. A fare il bilancio è stato questa mattina nel corso di una conferenza stampa, è stato il commissario straordinario alla Ricostruzione 2016-2017, Giovanni Legnini.

60MILA EDIFICI DA RICOSTRUIRE, MANCANO 12 MILIARDI

Gli edifici da ricostruire in seguito ai terremoti del 2016 sono 60mila, con 39mila di questi per i quali, però, devono essere ancora presentati i progetti. Per ricostruirli tutti serviranno 26 miliardi di euro. Legnini ha però sottolineato che a disposizione, per i prossimi anni, ci sono 14 miliardi che permetteranno di portare avanti per qualche anno i lavori.

“TITOLARI CAS E SAE PRESENTINO PROGETTI ENTRO IL 30 GIUGNO”

I titolari dei Cas e detentori delle casette Sae dovranno presentare i progetti di ricostruzione entro il 30 giugno 2022. È quanto previsto dall’ordinanza che il commissario speciale alla Ricostruzione 2016-2017 del Centro Italia, Giovanni Legnini, firmerà entro il 31 dicembre. L’obiettivo, nel 2022, ha precisato Legnini, è agevolare le procedure per la presentazione dei progetti. L’ordinanza è frutto di un accordo, ha sottolineato il commissario, sottoscritto con la Protezione Civile.

Ad oggi, ha reso noto il dirigente, sono circa 7.500 le famiglie che percepiscono il Cas, ma che dopo cinque anni non hanno presentato progetti. “Dire di farlo entro giugno non mi pare una forzatura e per chi non lo farà ci sarà una sanzione. Non facciamo decadere il contributo per ricostruire, non me la sento – ha spiegato Legnini – ma d’accordo con Fabrizio Curcio l’ordinanza prevederà la sospensione del Cas. Abbiamo il dovere di curare l’economicità dell’azione amministrativa“. L’ordinanza indicherà anche le situazioni in cui i cittadini saranno esonerati dal rispettare la scadenza, perché condizionati da “impedimenti oggettivi”.

“NON TOLLERIAMO PIÙ RITARDI E OPPORTUNISMI”

“Non possiamo più accettare e tollerare ritardi, omissioni, indecisioni e qualche opportunismo. Oggi ci sono tutti gli strumenti perché ciascuno faccia la sua parte. Lo Stato sta facendo la sua. Se lo fa lo Stato devono farlo tutti i livelli di Governo. Anche i professionisti devono fare la loro e i cittadini che attendono e soffrono devono partecipare e continuare a questo sforzo collettivo”. È l’appello che il commissario speciale alla Ricostruzione Giovanni Legnini ha rivolto a tutti i protagonisti della rinascita del Centro Italia.

Facendo il bilancio di quanto fatto a livello privato e pubblico, con quest’ultimo aspetto tradottosi in 500 milioni di euro erogati e 27 ordinanze in deroga, Legnini ha sottolineato come quello cui ci si trova davanti sia “un avanzamento molto importante. Abbiamo ulteriormente completato gli strumenti finanziari e abbiamo ben chiaro ciò che c’è da fare. Questa ricostruzione – ha concluso – sta assumendo dimensione, grado di impegno e contenuti qualitativi molto importanti. Possiamo cogliere obiettivi senza precedenti in termini qualitativi e mi auguro anche in termini temporali, ma questo non dipende solo dallo Stato: dipende da tutti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»