Quattro Daspo per la guerriglia dopo l’annuncio del lockdown a Napoli

Questi soggetti sono stati denunciati in quanto ritenuti responsabili di devastazione, aggravata dal metodo mafioso e dalla finalità eversiva, commessa il 23 ottobre scorso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Il questore di Napoli Alessandro Giuliano ha emesso quattro provvedimenti di Divieto di accesso alle manifestazioni sportive, i cosiddetti Daspo “fuori contesto”, per la durata di 5 anni con l’obbligo di comparizione per i primi due, nei confronti di quattro napoletani tra i 24 e i 33 anni, di cui tre con precedenti di polizia. Questi soggetti sono stati denunciati in quanto ritenuti responsabili di devastazione, aggravata dal metodo mafioso e dalla finalità eversiva, commessa il 23 ottobre scorso in occasione di una protesta non autorizzata organizzata dopo all’annuncio del governatore Vincenzo De Luca di un imminente lockdown in Campania. Quella sera si registrarono scontri tra manifestanti e forze dell’ordine con scene di guerriglia fuori alla sede della Regione e sul lungomare. 

LEGGI ANCHE: VIDEO | Protesta contro il lockdown, guerriglia sul lungomare di Napoli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»