Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Gentiloni: “Per il Recovery Plan servono procedure straordinarie”

Il commissario europeo per gli Affari economici: "Una volta definiti gli obiettivi, la vera sfida è l'esecuzione, come ha ricordato Draghi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La distribuzione dei vaccini anti-Covid e il Recovery Fund sono una grande occasione per rilanciare l’Europa ma per garantire il successo del Recovery Plan l’Italia deve introdurre procedure straordinarie con leggi capaci di accelerare gli investimenti“. Così il commissario europeo agli Affari economici Paolo Gentiloni in una intervista a ‘La Repubblica’.

“E’ una svolta storica- osserva- ma deve funzionare rendendo le nostre economie più verdi, inclusive e competitive”. L’ex premier aggiunge: “Non mi preoccupano le scadenze di queste settimane, non c’e’ un particolare ritardo italiano piuttosto penso alla seconda meta’ del 2021 e nel 2022, va evitato il rischio di mancare un appuntamento storico”. I fondi poi “vanno impegnati entro il 2023 e spesi entro il 2026. Servono quindi procedure straordinarie e corsie preferenziali. Una volta definiti gli obiettivi, la vera sfida è l’esecuzione, come ha ricordato Draghi. Solo il Parlamento- aggiunge Gentiloni- puo’ creare queste corsie preferenziali e procedure straordinarie”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»