Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rifiuti, Raggi risponde a Bonaccini: “Io arrogante? Gli saremo grati se ci aiuterà”

Dopo che Bonaccini si era detto "stupito dell'arroganza di Raggi" lei lo invita a "ad abbassare i toni su un tema così delicato"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

virginia raggiROMA – “Ama in ottobre ha chiesto alla Regione Lazio di poter andare fuori regione proprio perchè i picchi dei rifiuti ci sono nel periodo natalizio e ad inizio estate. La Regione ha autorizzato l’invio di parte dei rifiuti in Toscana nel mese di dicembre poi purtroppo è arrivata la Procura che ha sequestrato due impianti della regione Toscana, sicchè la Regione ha dovuto chiudere le porte ai rifiuti di altre regioni per ricalibrare la gestione al proprio interno. E così in ossequio alla legge e in base al principio di prossimità Ama e la Regione hanno fatto richiesta all’Emilia Romagna. Quello che so è che ora stanno parlando. Siamo stati grati al governatore della Toscana e saremo grati al governatore dell’Emilia se vorrà supportare la Regione Lazio. Io credo che questo sia fondamentale: un richiamo ad abbassare i toni su un tema così delicato”. Così la sindaca di Roma Virginia Raggi ha risposto a chi gli chiedeva un commento alle parole del Governatore dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, che l’aveva definita ‘arrogante’.

LEGGI ANCHE: I rifiuti di Roma in Emilia Romagna? Bonaccini prende tempo: “Stupito da arroganza di Raggi”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»