Fumata nera per Almaviva, partite 1.666 lettere di licenziamento

Inutile l'incontro riconvocato ieri sera dal viceministro dello Sviluppo economico, Teresa Bellanova
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Fumata nera nell’incontro svolto al ministero dello Sviluppo economico per tentare in extremis di salvare i 1.666 dipendenti della sede romana di Almaviva Contact.

Governo, sindacati e azienda non hanno trovato l’accordo che invece era stato sottoscritto prima di Natale dalla sede napoletana di Almaviva. Inutile l’incontro riconvocato ieri sera dal viceministro dello Sviluppo economico, Teresa Bellanova.

Gia’ partite le lettere di licenziamento dei 1.666 dipendenti.

LEGGI ANCHE

Almaviva: “Nessuno spazio per la modifica agli accordi”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»