Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | I numeri di Pharmexpo 2021, “una scommessa vinta”: trecento aziende e quasi ottomila visitatori

pharmexpo 2021-min
Santagada (Assessore alla Salute Comune di Napoli): “Segnale di ripartenza per la città"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Sono stati oltre 200, per circa 300 aziende complessive, gli stand protagonisti della tredicesima edizione di Pharmexpo – la fiera B2B del settore farmaceutico, l’unica manifestazione del Centro-Sud Italia dedicata al settore – che si è conclusa ieri alla Mostra d’Oltremare di Napoli. Registrati 7.700 visitatori che hanno avuto a loro disposizione 6mila mq di superficie espositiva, ma anche 28 convegni con complessivamente 76 relatori.

LEGGI ANCHE: Torna Pharmexpo, a Napoli farmacia protagonista nell’unico evento di settore del Centro-Sud Italia

Una tredicesima edizione “fortunata” l’ha definita Angioletto de Negri, patron di Progecta che la fiera la organizza, “perché anche quest’anno abbiamo avuto un’affluenza non indifferente di espositori e 1.500-2.000 farmacisti che durante la tre giorni hanno affollato i corsi di formazione: apportiamo nelle loro farmacie quello che non avrebbero se non ci fosse Pharmexpo”. Soddisfatto anche il direttore di Pharmexpo, Fabrizio Cantella: “Far intervenire tante persone in questi tre giorni – in sicurezza tra green pass e mascherina – è stata una scommessa vinta. Grande successo anche per i corsi di formazione, parte importante che affianca l’area espositiva e commerciale della fiera”.

“È un appuntamento importante – ha sottolineato Vincenzo Santagada, presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Napoli e assessore comunale alla Salute – che Napoli ospita da oltre un decennio e al quale il Comune è vicino. L’edizione di quest’anno dà, rispetto alle altre del passato, un segnale di ripartenza anche per la città”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche il presidente di Federfarma Napoli, Riccardo Iorio, secondo il quale “deve crescere l’interesse verso questa manifestazione per la posizione geografica in cui ci troviamo perché Napoli è la capitale del Sud”. “È certamente un evento rilevante – ha evidenziato Marco Alessandrini, amministratore delegato di Credifarma – perché qui confluiscono tutti gli attori della filiera. Grazie a questi momenti aggregativi si riesce ad essere più vicini ai propri clienti e a realizzare soluzioni di concreto ausilio e supporto”.

LEGGI ANCHE: Pharmexpo a Napoli, l’assessore Santagada: “Segnale di ripartenza”

Per il 2022 – ha concluso Cantella – abbiamo definito le date e abbiamo già immaginato il tema conduttore, la digitalizzazione delle farmacie che è già una realtà: il numero di schermi presenti qui è elevatissimo, mai prima di oggi si era visto un tale grado di digitalizzazione in una fiera dedicata alla farmacia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»