Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Berlino cambia il nome di una strada in omaggio all’attivista della Tanzania

Dal nome di un governatore coloniale in Africa, ritenuto responsabile di omicidi di massa e devastazioni, a quello di una politica ed eroina dell'independenza della Tanzania
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Brando Ricci

ROMA – Dal nome di un governatore coloniale in Africa, ritenuto responsabile di omicidi di massa e devastazioni, a quello di una politica ed eroina dell’independenza della Tanzania. E’ il cambiamento che si prospetta per una via di Berlino, situata nel quartiere multiculturale di Neukolln. Con il voto favorevole del Consiglio municipale della capitale tedesca la strada avrà un nome nuovo: non si chiamerà più Wissmannstrasse, in ricordo di Herman von Wissman, ma Lucy-Lameck-Strasse, da, in omaggio a Lucy Lameck

Il cambio toponomastico ne implica uno più profondo, storico e politico. Wissman è ricordato per essere stato nominato nel 1889 governatore dell’istituzione coloniale tedesca che controllava i territori degli odierni Ruanda, Burundi e Tanzania, e per aver comandato la repressione di una rivolta delle comunità locali. Lucy Lameck invece fu un’attivista, nonché prima deputata della Tanzania indipendente nel 1960. In seguito divenne la prima donna a ricoprire l’incarico di viceministra, prima per lo Sviluppo delle comunità e la cooperazione e poi per la Sanità

La decisione del municipio di Berlino è giunta al termine di una mobilitazione durata 15 anni. Tra le organizzazioni che se ne sono fatte promotrici, l’ong Berlin Postkolonial. “Siamo veramente grati che la violenta storia coloniale che Germania e Tanzania condividono non sia cancellata ma raccontata nel modo opposto a quello usato fino adesso” si legge sulla pagina Facebook dell’organizzazione. “Wissman era un razzista e un criminale, Lucky Lameck rappresenta il sempre sottostimato contributo delle donne tanzaniane alla lotta per l’indipendenza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»