VIDEO | ‘Block Friday’, studenti in corteo a Palermo

Con un gioco di parole scritto su uno striscione hanno inaugurato il quarto appuntamento di Fridays For Future
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – ‘Block Friday: non facciamo sconti per nessuno’. Con un gioco di parole scritto su uno striscione in testa al corteo partito dalla centralissima piazza Politeama, gli studenti di Palermo hanno inaugurato il quarto appuntamento di Fridays For Future, giornata di lotta contro i cambiamenti climatici.

Il corteo sta percorrendo le strade del centro città, affollate fin dalle prime ore del mattino per lo shopping legato al Black Friday. Traffico in tilt nelle principali strade del centro, da via Libertà a via Ruggero Settimo, passando per via Cavour e via Roma. Gli studenti marceranno verso piazza del Parlamento, dove si riuniranno per un sit-in davanti alla sede dell’Assemblea regionale siciliana.

“La nostra è la prima generazione che assiste agli effetti dei cambiamenti climatici e anche l’ultima che può fare qualcosa per cambiare questo scenario – afferma Marta Sabatino, coordinatrice della Rete degli studenti Medi di Palermo -. Abbiamo bisogno di investimenti immediati, di un cambio di rotta altrimenti non ci sarà un futuro per noi e per chi verrà dopo di noi. Vogliamo una svolta economica verde – continua -, che tenga conto dei diritti dei lavoratori e degli studenti, e che garantisca un futuro a noi e alle prossime generazioni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»