Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bologna, derubata insegue il ladro con il passeggino (con l’aiuto dei passanti). L’appello: “Aiutatemi a ritrovare la scheda di memoria”

scheda sd
Il ladro ha sfilato dal cellulare la Sim card e una micro scheda di memoria in cui era custodita tutta la memoria del telefono: dati, documenti e tantissime foto. "Sono disposta a pagare per riaverla"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Un inseguimento, urla -tipo film- “Al ladro, al ladro”, una donna che corre dietro a un uomo spingendo un passeggino e trascinando per mano un bambino più grande in lacrime, dei ragazzi che si mettono a inseguire il ‘ladro’ con lei e lo fermano. È la scena a cui diversi passanti hanno assistito ieri a Bologna poco prima delle 19 in zona Mazzini, all’incrocio con via Sigonio. Tutto è cominciato pochi istanti prima al semaforo di fronte al liceo Fermi, dove il ladro aveva poco prima sfilato il telefono di tasca ad una donna di 43 anni che camminava con il figlio di sette anni e un passeggino col piccolo di otto mesi. Lei se ne accorge, gli va sotto, gli chiede il telefono. Lui nega, attraversa la strada e sale su un bus ma poi scende e scappa a piedi; lei non si arrende e si mette a inseguirlo di corsa. L’uomo, raggiunto, continua a negare anche quando viene circondato dai cinque o sei ragazzi che si sono messi a correre per aiutare la donna. Il furto però c’è stato, il telefono rubato infatti salta fuori poco dopo da un cespuglio. Ma purtroppo il lieto fine non c’è: perché l’uomo, che poi si è dileguato, in quei pochi minuti era riuscito a sfilare dal cellulare la Sim card e una micro scheda di memoria in cui era custodita tutta la memoria del telefono: dati, documenti e tantissime foto.

L’APPELLO DELLA DONNA DERUBATA

Ora la donna chiede aiuto: “Può averla buttata per terra in zona, oppure potrebbe tentare di venderla per pochi euro”. L’appello è rivolto a chi potrebbe trovarsi tra le mani una micro scheda Sd rossa e grigia (dietro nera), da 128 giga. Dentro ci sono migliaia di foto, non ancora scaricate. “Sono disposta a pagare dei soldi per riaverla”, dice la donna.

La vittima del furto sta anche cercando di mettersi in contatto con le persone gentili che ieri sera l’hanno aiutata, cercando anche di consolare il bambino di sette anni dalla scena. “Mi chiamo Marcella- dice la donna- potete chiamarmi al 3346534335. Ieri pomeriggio sono intervenuti i Carabinieri e oggi andrò a fare formale denuncia, chiedo a chiunque dovesse trovare una micro sd di contattarmi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»