Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Maltempo, a Catania crolla parte laterale del ponte sulla strada provinciale 63

strada_crollata_catania
Collega Granieri, frazione di Caltagirone, con Mazzarrone, in provincia di Catania
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Le consistenti piogge di queste ore hanno provocato il crollo di una porzione laterale del ponte sulla strada provinciale 63 che collega Granieri, frazione di Caltagirone, con Mazzarrone, in provincia di Catania. Il sindaco di Caltagirone, Fabio Roccuzzo, ha effettuato un sopralluogo coordinando gli interventi. Sul posto i carabinieri, la polizia municipale e il personale della Pubbliservizi, che ha rimosso fango e detriti. Presente anche il sindaco di Mazzarrone, Giovanni Spata. Il transito dei veicoli è attualmente possibile, ma a senso unico alternato regolamentato da un semaforo.
“Chiediamo alla Città metropolitana di Catania – dice Roccuzzo – un progetto per un intervento che metta definitivamente in sicurezza il ponte, di vitale importanza non soltanto per i residenti, ma soprattutto per gli spostamenti dei mezzi pesanti dei tanti produttori di uva del territorio che percorrono questo tratto e che non possono e non devono essere oltremodo penalizzati”.

LEGGI ANCHE: La Sicilia teme il medicane Apollo: cos’è e perché si chiama così

Maltempo, il ciclone africano Apollo verso la Sicilia

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»