Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Due giovani incensurati uccisi a colpi di arma da fuoco ad Ercolano

A sparare ai due ragazzi di 26 e 27 anni potrebbe essere stato un uomo che temeva di subire un furto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Due ragazzi, entrambi incensurati, sono stati uccisi a colpi d’arma da fuoco a Ercolano. Si chiamavano Tullio Pagliaro e Giuseppe Fusella. Il primo aveva 26 anni, il secondo 27 ed entrambi risiedevano a Portici. Le loro salme sono state trasportate al Policlinico di Napoli.

A quanto si apprende a sparare potrebbe essere stato un uomo che risiede in una villetta di via Marsiglia, strada isolata del quartiere di San Vito a Ercolano (Napoli), che temeva di subire un furto. I giovani si trovavano probabilmente nell’auto di uno dei due quando sono stati raggiunti dai colpi che li hanno feriti mortalmente. Sono in corso indagini dei carabinieri.

IL SINDACO DI ERCOLANO: “UNA TRAGEDIA CHE HA SCONVOLTO LA CITTÀ”

“La nostra città è sconvolta da quanto accaduto la scorsa notte a San Vito. Una tragedia che ha colpito profondamente la nostra comunità. Questo è il momento del silenzio”. Lo dice il sindaco di Ercolano (Napoli) Ciro Buonajuto commentando l’accaduto. “Al momento gli inquirenti – prosegue – stanno accertando l’esatta dinamica dei fatti. Il mio pensiero come sindaco e come padre è per le famiglie colpite da questa immane tragedia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»