E ora a Bologna le biblioteche consegnano i libri gratis a casa

Il servizio esisteva già ma era riservato agli utenti con difficoltà di mobilità nella zona di Borgo Panigale. Ora il Comune ha deciso di estenderlo a tutta la città
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Libri gratis a domicilio. Sono quelli che, da lunedì, si potranno ricevere a Bologna grazie al nuovo servizio di prestito promosso dall’Istituzione biblioteche del Comune, in collaborazione con i fattorini di Consegne etiche.

Per ricevere i libri a casa, ai lettori basterà contattare direttamente la biblioteca comunale più vicina che provvederà ad ultimare la richiesta e a far partire la consegna. “Con il verificarsi dell’emergenza Covid, le attività del percorso si sono rimodulate e si è scelto di potenziare questo servizio estendendolo a tutta la città– spiega Matteo Lepore, assessore alla Cultura- l’obiettivo è raggiungere tutti quei lettori e quelle lettrici più fragili che, in questo momento di ulteriore difficoltà, possono avere bisogno di ricevere i libri a casa”.

Il progetto infatti, inizialmente era pensato solo per gli utenti con difficoltà di mobilità residenti nella zona di Borgo Panigale. Oltre ai libri, si potranno ricevere anche cd, dvd e periodici arretrati. Il servizio, che potrà essere richiesto a cadenza settimanale, è reso sicuro dalle misure di quarantena a cui verranno sottoposti tutti i libri e dal rispetto dei protocolli sanitari da parte dei fattorini. Anche il ritiro, una volta scaduto il materiale, sarà a cura delle biblioteche.

Il servizio è affidato ai fattorini in bicicletta di Consegne etiche, la prima piattaforma cooperativa di consegne a domicilio che rispetta sia il lavoro del fattorino, garantendo una paga oraria equa, che l’ambiente, promuovendo uno stile di consegne sostenibili e non inquinanti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»