fbpx

Tg Pediatria, edizione del 29 ottobre 2020

– REUMATOLOGIA, SIP: DETERMINANTE PASSAGGIO CURE DOPO ADOLESCENZA

“La corretta transizione per la cura e l’assistenza dall’età evolutiva a quella adulta dei soggetti con patologie croniche è di grande importanza e rilievo. In particolare nella Reumatologia, il poter assicurare che i giovani con patologie reumatologiche ricevano un’assistenza continua e adeguata nella fase successiva all’adolescenza è determinante per la qualità di vita e il benessere in età adulta”. Lo afferma Alberto Villani, presidente della Sip, alla presentazione del progetto ‘Transition Sip-Sir’, un percorso dedicato all’adolescente affetto da reumatismi cronici infiammatori per la gestione del delicato passaggio dal pediatra al reumatologo dell’adulto.

– DA 6 ANNI IN SU 10% BIMBI SOFFRE D’ASMA, ARRIVA GUIDA SU CASI GRAVI

“L’asma è una malattia molto comune, ne soffre il 25% dei bambini in età prescolare e circa il 10% dei piccoli dai 6 anni in su. Di questi, solo il 5% ha un’asma di difficile gestione, perché nonostante i trattamenti standard il bambino continua a stare male”. Renato Cutrera, responsabile del dipartimento Malattie respiratorie e broncopneumologia dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma e socio della Simri, parte da questa constatazione per presentare la nuova guida ‘Difficult and Severe Asthma in Children’ .

– VACCINO ANTINFLUENZALE, SIP: ANCHE ALLERGICI ALL’UOVO POSSONO FARLO

“Le controindicazioni per il vaccino antinfluenzale esistono solo nel caso in cui si fossero verificate delle reazioni anafilattiche rilevanti alla somministrazione di precedenti vaccini. Anche per i bambini allergici all’uovo le linee guida internazionali e nazionali non ritengono quest’allergia una controindicazione alla somministrazione”. A spiegarlo è Rocco Russo, responsabile del tavolo tecnico Vaccinazioni della Sip, nel corso della diretta facebook dedicata al tema dell’influenza stagionale.

– MAZZONE (SISPE): PEDIATRA VADA OLTRE RUOLO STANDARD, AIUTI FAMIGLIA

“Il ruolo del pediatra è quello di valutare il bambino globalmente, sia nel suo benessere fisico che in quello psichico, per intercettare le situazioni che hanno bisogno di un intervento mirato di competenza più prettamente specialistica”. Teresa Mazzone, presidente del Sispe, nel suo intervento alle giornate precongressuali dell’IdO accende un faro sull’importanza del pediatra nella valutazione delle dinamiche educative familiari.

– ONCOLOGIA PEDIATRICA, LOCATELLI: SI CURA MEGLIO DOVE SI FA RICERCA

L’Oncologia pediatrica “si cura meglio dove si fa ricerca. Si tratta di un concetto consolidato che però troppo spesso viene dimenticato in un ambito, quello della pediatria, che ha raggiunto in questi anni risultati straordinari”. E’ la riflessione di Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e direttore dei dipartimenti clinici dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, che elenca i pilastri della ricerca italiana orientati alla terapia per i bambini.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

29 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»