M5s Piemonte: Ora borse di studio a chi è più piemontese?

Dopo la riduzione del 50% dei fondi per le borse di studio, dalla Giunta non sono arrivate informazioni sui criteri per l'assegnazione. Il M5s incalza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TORINO – La Giunta regionale in Piemonte, guidata dal centrodestra, cosa pensa di fare in merito al diritto allo studio? “Vuole introdurre surreali parametri di ‘piemontesità’?”. Così il gruppo del Movimento 5 stelle in Piemonte interviene sulla presunta decisione dell’assessore al Bilancio, Andrea Tronzano, di dimezzare i fondi regionali destinati al finanziamento delle borse di studio.

“A quattro mesi dall’insediamento della Giunta Cirio abbiamo il primo atto concreto: un taglio del 50% ai fondi stanziati all’Ente regionale diritto allo studio universitario per le borse di studio- spiega il M5s- un’operazione orchestrata nell’ombra dall’assessore al Bilancio Tronzano e poi frettolosamente smentita, in parte, dal presidente Cirio su pressione di una fetta della sua maggioranza”.


I pentastellati dunque si chiedono “cosa farà la Giunta? Ritirerà la delibera oppure interverrà sul bilancio pluriennale? Oppure vuole introdurre surreali parametri di ‘piemontesità’? Dai banchi della maggioranza e dell’esecutivo, al momento, non è arrivata alcuna indicazione su criteri e sulle linee guida da adottare“.

Dal Consiglio regionale di oggi (sospeso, ndr) “si è evidenziata ancora una volta l’inadeguatezza di questa maggioranza ad amministrare il Piemonte- rimarca il gruppo- anche oggi l’assemblea è stata convocata per eseguire i compiti affidati da Salvini ai propri luogotenenti piemontesi, ovvero la delibera per la riforma della legge elettorale nazionale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»