Manovra, c’è l’accordo. Palazzo Chigi: “Piena intesa, si chiude”

La cedolare secca sugli affitti resta al 1'% e diventa permanente. Confermate la sugar tac, plastic tax e il taglio di 3 miliardi del cuneo fiscale per i lavoratori. 140 milioni in più su Industria 4.0
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA -“Clima di piena sintonia” in maggioranza sulla manovra economica tanto che “l’impianto” del testo “è stato condiviso” e ci “sarà un’ultima riunione domani alle 15.30 per chiudere definitivamente” e inviare il testo al Parlamento. È quanto si apprende al termine del vertice a Palazzo Chigi tra governo e rappresentanti dei gruppi che lo sostengono sulla manovra.

RESTANO SUGAR TAX E PLASTIC TAX, CEDOLARE SECCA AFFITTI RESTA AL 10%. E 600 MILIONI IN PIÙ PER FAMIGLIE

A quanto si apprende da fonti di palazzo Chigi, sugar tax e la plastic tax restano nella manovra economica. La cedolare secca rimarrà al 10% (evitato l’aumento al 12,5) e “sarà permanente”. Durante la riunione, viene spiegato, è emersa “una forte volontà di tutte le forze politiche di non aumentare la tassazione sulla cedolare secca per il canone concordato”.

“A favore delle famiglie, con l’accordo di tutti, 600 milioni in più. E’ confermato il taglio di 3 miliardi del cuneo fiscale per i lavoratori. Ci sono 140 milioni in più su industria 4.0, in tre anni saranno 420 milioni. 

LEGGI ANCHE Governo, Zingaretti: “Non voglio elezioni, ma basta litigi e più fatti”

LA NOTA DI PALAZZO CHIGI: “PIENA INTESA”

“Si è svolta una riunione a Palazzo Chigi per concordare gli ultimi dettagli riguardanti il disegno di legge di bilancio 2020. C’è stata piena intesa politica per confermare tutte le misure di sostegno per la modernizzazione del Paese, per favorire la digitalizzazione e la svolta green, per sostenere le famiglie e il welfare, per rafforzare la crescita delle imprese, per sostenere gli investimenti e semplificare la fiscalità degli enti locali. Il governo si è aggiornato a domani per l’approvazione finale e per concordare l’invio del testo al Parlamento”. Lo comunica palazzo Chigi in una nota.

Al vertice hanno partecipato il premier Giuseppe Conte, i ministri Gualtieri, Di Maio, Franceschini e Bellanova, Speranza. I vice ministri Misiani e Castelli. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Fraccaro. I rappresentanti dei gruppi Marattin (Iv), De Petris (Leu).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»