VIDEO | Canosa, tornano a suonare le campane per volontà dei fedeli

Nella chiesa di Maria SS dell’Assunta di Canosa si canta con il karaoke e la messa è sottotitolata in inglese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Il suono è dolce e potente. Arriva dalla tettoia della chiesa di Maria SS dell’Assunta di Canosa di Puglia. La fonte è data da tre campane bronzee che hanno preso a suonare a quasi un anno e mezzo da una sorta di sondaggio che il sacerdote, don Michele Malcangio, ha svolto tra i suoi parrocchiani. “Avevamo la possibilità di spendere una somma cospicua e allora ho voluto sondare coinvolgendo la comunità”, spiega don Michele alla Dire.

Il sacerdote ha quindi chiesto come si volesse fossero spesi i soldi raccolti attraverso offerte e donazioni. “La chiesa – sostiene – è casa dei parrocchiani ed era giusto coinvolgerli. Si poteva sistemare il campo di calcio, fare qualche opera di sistemazione dell’oratorio ma mi hanno risposto che avrebbero voluto le campane e così è stato”.

Le campane che riecheggiano arrivano in una parrocchia già conquistata dalla tecnologia dove si canta con il karaoke e la messa è sottotitolata in inglese per consentire ai migranti di seguire la celebrazione eucaristica.

La scelta dei parrocchiani di tornare al più semplice e antico linguaggio di richiamo a Dio è ora realtà. “Cominceranno a svolgere il loro di richiamo il giorno di Ognissanti alle dodici: l’orario in cui suoneranno sempre, oltre che prima delle messe”, chiosa don Michele.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»