Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico, edizione del 29 ottobre 2019

https://www.youtube.com/watch?v=9uOETcuFjbE ZINGARETTI AVVERTE DI MAIO: BASTA LITIGI Serve "un cambio di passo". Nicola Zingaretti avvisa Luigi Di Maio: "Io non voglio il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ZINGARETTI AVVERTE DI MAIO: BASTA LITIGI

Serve “un cambio di passo”. Nicola Zingaretti avvisa Luigi Di Maio: “Io non voglio il voto, faro’ di tutto per andare avanti con il governo, noi diciamo prima l’Italia, ma questa maggioranza deve litigare meno e produrre piu’ fatti”, ha detto. Intanto nel corso di una riunione alla Camera con il ministro dei Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, la maggioranza ha deciso di andare avanti sulle riforme costituzionali e sulla legge elettorale.

VERTICE SULLA MANOVRA, AL LAVORO SU COPERTURE

Ultimo vertice a Palazzo Chigi prima che la legge di Bilancio venga trasmessa al Parlamento. I capi delegazione della maggioranza con il premier Giuseppe Conte e il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, hanno puntellato le coperture e definito il menu delle ultime misure della finanziaria. Il Movimento 5 stelle spinge su imprese e partite Iva mentre il Pd rilancia sull’assegno unico per i figli. Porte chiuse a Italia Viva che continua a chiedere l’abolizione di Quota 100.

MARTELLA: SOSTENERE EDITORIA, INFORMAZIONE E’ DEMOCRAZIA 

Una legge di sistema per l’editoria paragonabile a Industria 4.0, una Editoria 5.0. Il sottosegretario con delega per l’editoria, Andrea Martella, annuncia un provvedimento che assicuri “stabilita’ e certezza alla contribuzione diretta al settore”. In audizione alla Camera, Martella sottolinea che l’informazione e’ “un bene collettivo primario, indispensabile per il funzionamento delle istituzioni democratiche” e richiede quindi un “intervento pubblico”.

SALVINI E MELONI ATTACCANO: PRESTO AL VOTO

Il centrodestra passa all’incasso dopo la vittoria nelle regionali in Umbria. “Prima si vota e meglio è”, tuona Matteo Salvini che attacca una manovra “da 5 miliardi di nuove tasse. Le stanno inventando su tutto”, protesta l’ex ministro dell’Interno. Gli fa eco Giorgia Meloni, che guarda all’Emilia Romagna e avverte: se la sinistra dovesse perdere anche la regione rossa per eccellenza, il voto sarebbe inevitabile. Nel frattempo Fratelli d’Italia si potenzia: in Puglia sei consiglieri si trasferiscono da Direzione Italia di Raffaele Fitto al partito di Giorgia Meloni.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»